cantone

home / Archivio / Fascicolo / Le irragionevoli conseguenze processuali derivanti dall'equiparazione tra la cancellazione dal ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Le irragionevoli conseguenze processuali derivanti dall'equiparazione tra la cancellazione dal registro delle imprese di una società e la sua estinzione portano al rilievo di incostituzionalità dell´art. 2495 c.c. (nota a App. Milano, 18 aprile 2012)

Francesco Tedioli

APPELLO MILANO, 18 aprile 2012 (ord.) – Tarantola Presidente – Carla Romana Raineri Relatore – B spa c. T.D. & C. sas – T.D.

Società – Cancellazione dal registro delle imprese – Cancellazione volontaria – Estinzione – Effetti sui giudizi pendenti tra un grado e l’altro di giudizio – Individuazione del soggetto legittimato alla prosecuzione – Impossibilità – Incostituzionalità – Non manifesta infondatezza.

 (Art. 2495 c.c.; art. 328 c.p.c.; artt. 3, 24 e 111 Cost.)

È rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale degli artt. 2495 c.c. e 328 c.p.c. nella parte in cui non prevedono, in caso di estinzione della società per effetto di volontaria cancellazione dal registro delle imprese, che il processo prosegua o sia proseguito nei gradi di impugnazione da o nei confronti della società cancellata, sino alla formazione del giudicato. L’impossibilità di identificare un successore nel processo e nella res litigiosa in caso di estinzione della società per intervenuta cancellazione e, dunque, di un soggetto legittimato a stare in giudizio, nei cui confronti poter proseguire il processo, instaurando il giudizio d’impugnazione, viola non soltanto il principio di eguaglianza, di cui all’articolo 3 Cost., anche nelle sue declinazioni in termini di ragionevolezza – intesa come generale esigenza di coerenza dell’ordinamento giuridico – ma viola, altresì, i canoni fondamentali del giusto processo e del diritto alla difesa e alla tutela giurisdizionale di cui agli articoli 24 e 111 Cost. (1)

 

Premessa

Con sentenza n. 2992/07, pubblicata in data 15.3.07, il Tribunale di Milano, in accoglimento della domanda dell’attrice T D & C. sas:

– dichiarava risolto il contratto di associazione in partecipazione intercorso fra B SpA e la T D & C. sas;

– condannava la convenuta B SpA alla restituzione in favore della T D & C. sas della somma di € 25.822,84, oltre interessi legali dalla domanda al saldo;

– dichiarava che nulla era dovuto da parte attrice a parte convenuta;

– respingeva le ulteriori domande dell’attrice;

– respingeva le domande riconvenzionali formulate dalla parte convenuta (aventi ad oggetto le somme versate a titolo di acconti sugli utili ed al conguaglio consuntivo degli anni 2001-2002);

– condannava la parte convenuta alla rifusione delle spese di lite.

Il 23 aprile 2008 B S.p.A. notificava a T S.a.s. citazione in appello denunciando la erroneità della sentenza sotto molteplici profili.

Nell’eseguire la notificazione dell’atto di appello B dava atto che la S.a.s. appellata si era cancellata dal Registro delle imprese a far tempo dall’8 aprile 2008.

L’atto di appello veniva notificato sia alla S.a.s. appellata presso il procuratore domiciliatario in primo grado, sia alla sig.ra D T, quale socia accomandataria e liquidatrice della s.a.s.

T sas si è costituita in giudizio (con mandato conferito al proprio difensore in tempo successivo alla cancellazione della società dal registro delle imprese) eccependo, fra l’altro, inammissibilità dell’appello per intervenuta estinzione della società appellata.

La socia accomandataria, parimenti costituitasi in giudizio, ha eccepito l’inammissibilità dell’impugnazione nei suoi confronti, per non essere stata parte del giudizio di primo grado e ritenendo insussistenti i presupposti di cui agli artt. 100 e 111 c.p.c.

Tanto premesso,

  1. All’origine del dubbio di costituzionalità – che questa Corte intende sollevare – vi è la nuova formulazione dell’art. 2495 c.c. (Cancellazione della società) introdotta da D. Lgs. n. 6/2003, in vigore dall’1/1/2004, ponendosi in questo giudizio il problema delle conseguenze, sul piano processuale, dell’intervenuta estinzione della s.a.s. appellata per effetto della cancellazione dal registro delle imprese intervenuta in tempo precedente alla proposizione del­l’appello.

 

  1. È noto l’orientamento della giurisprudenza di legittimità formatosi nel vigore nella normativa previgente, secondo il quale “l’atto formale di cancellazione di una società dal registro delle imprese, così come il suo scioglimento, con l’instaurazione della fase di liquidazione, non determina l’estinzione della società ove non siano esauriti tutti i rapporti giuridici ad essa facenti capo a seguito della procedura di liquidazione, ovvero non siano definite tutte le controversie giudiziarie in corso con i terzi, e non determina, conseguentemente, in relazione a detti rapporti rimasti in sospeso e non definiti la perdita della legittimazione processuale della società e un mutamento della rappresentanza sostanziale e processuale della stessa, che permane in capo ai medesimi organi che la rappresentavano prima della cancellazione(cfr.,ex multis, Cass. n. 646/2007 [Impresa, 2007, 4, 635]; id. n. 3221/1999 [Giust. civ. Mass. 1999, 747]).

La nuova formulazione dell’art. 2495 c.c. ha dato luogo ad alcune pronunce della Corte di legittimità (cfr. Cass. n. 25192/08 e Cass. n. 18618/06 [entrambe citt. in nota 4]) che, in difformità all’orientamento sino a quel momento consolidato, hanno ritenuto che la novella legislativa avesse conferito alla cancellazione dal registro delle imprese l’effetto costitutivo dell’estinzione irreversibile della società, anche in presenza di rapporti non definiti, ed anche laddove intervenuta in epoca anteriore all’entrata in vigore della nuova disciplina, con conseguente perdita della sua capacità processuale.

È, poi, altrettanto noto che le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, intervenendo a comporre un contrasto giurisprudenziale, hanno sancito il principio per cui il novellato art. 2495, 2º comma, c.c., ancorché dettato per le sole società di capitali nel contesto della riforma di cui al d.lgs. 6/2003, è applicabile anche alle società commerciali di persone: sicché la cancellazione della società dal registro delle imprese determina, con effetto immediato, l’estin­zione delle società, indipendentemente dall’esistenza di crediti insoddisfatti o di rapporti ancora non definiti (Cass., sez. un., 22-02-2010, n. 4060). Il contrasto giurisprudenziale, sottoposto alle SS.UU. della Cassazione, è stato risolto (con le coeve pronunce nn. 4060, 4061 e 4062 del 22/2/2010 [citt. in nota 2]) con l’enunciazione dei seguenti principi di diritto:

a) natura innovativa e ultrattiva dell’art. 2495 comma secondo c.c., che “disciplina gli effetti delle cancellazioni delle iscrizioni di società di capitali e cooperative intervenute anche precedentemente alla sua entrata in vigore (1/1/2004), prevedendo a tale data la loro estinzione in conseguenza dell’indicata pubblicità e quella contestuale alle iscrizioni delle stesse cancellazioni per l’avvenire, riconoscendo, come in passato, le azioni dei creditori sociali nei confronti dei soci dopo l’entrata in vigore della norma, con le novità previste dagli effetti processuali per le notifiche infrannuali della citazione”;

b) conseguente incidenza della nuova normativa sul pregresso orientamento giurisprudenziale di legittimità, fondato sulla natura non costitutiva della iscrizione della cancellazione;

c) riaffermazione della efficacia dichiarativa della pubblicità della cancellazione delle società di persone (esclusa, per ragioni logiche e di sistema, l’efficacia costitutiva di questa, “impossibile in difetto di analoga efficacia della loro iscrizione”) opponibile dall’1/1/2004 ai creditori che agiscano contro i sociex 2312 e 2324 c.c., con “presunzione del venir meno della capacità e legittimazione di esse operante negli stessi limiti temporali, anche se perdurino rapporti o azioni in cui le stesse sono parti;

d) necessità, attraverso una lettura costituzionalmente orientata delle norme, di una “soluzione unitaria” del problema degli effetti della iscrizione della cancellazione di tutti i tipi di società o imprese collettive, a garanzia della parità di trattamento dei terzi creditori di entrambi i tipi di società, coerente anche con la Legge fallimentare, art. 10 (ora art. 9), facendosi decorrere dalla data della iscrizione della cancellazione stessa l’anno per la dichiarazione di fallimento ed evitando incertezze sul punto.

 

  1. Alla stregua di tale diritto vivente deve dunque ritenersi realizzato, nel caso di specie, un evento interruttivo, essendosi estinta una parte processuale tra un grado e l’altro del giudizio.

Sul problema dell’estinzione della parte tra un grado e l’altro del giudizio le Sezioni Unite della Suprema Corte, facendo riferimento all’art. 328 c.p.c., hanno fissato il principio per cui, “in caso di morte della parte vittoriosa, l’impugnazione della sentenza deve essere rivolta e notificata agli eredi, indipendentemente dal momento in cui il decesso è avvenuto e dalla eventuale ignoranza incolpevole del decesso da parte del soccombente, senza che sia possibile applicare l’art. 291 c.p.c. in caso di impugnazione rivolta al defunto” (Cass., sez. un., 16-12-2009, n. 26279 [cit. in nota 22]).

Peraltro, in materia di estinzione di società (e sia pure nel regime anteriore alla riforma organica delle società di capitali, allorché si riteneva che l’incorporazione di una società costituisse evento interruttivo), le stesse Sezioni Unite avevano stabilito che “l’impugnazione notificata presso il procuratore costituito di una società che, successivamente alla chiusura della discussione (o alla scadenza del termine di deposito delle memorie di replica), si sia estinta per incorporazione, deve ritenersi valida se l’impugnante non abbia avuto notizia dell’evento modificatore della capacità della persona giuridica, mediante notificazione di esso” (Cass. sez. un., 14-09-2010, n. 19509 [cit. in nota 23]). Pronuncia questa che, peraltro, contiene in motivazione numerosi passaggi che contraddicono il principio espresso dalle Sezioni Unite nel 2009 per il caso di morte di una parte tra un grado e l’altro del giudizio, ivi inclusa la considerazione per cui, “a parte l’inaccettabilità di una concezione antropomorfica della soggettività giuridica, e delle società in particolare, poiché la disciplina dell’interruzione del processo è diretta a ripristinare l’effettività del contraddittorio, tale esigenza sussiste solo quando si verificano eventi estranei alla volontà dei soggetti che ne sono colpiti, sui quali, per tale ragione, non possono ricadere gli eventuali effetti negativi derivanti da un processo al quale non abbiano avuto la possibilità di prendere parte. Nella modificazione dell’organizzazione societaria, invece, il fenomeno è riconducibile alla volontà del soggetto e pertanto non sussiste l’esigenza garantistica che giustifica il verificarsi dell’effetto interruttivo e del conseguente onere di riassunzione dell’altra parte. La società che «viene meno» (…) non è pregiudicata dalla continuazione di un processo di cui era perfettamente a conoscenza …”.

Sennonché, il principio di valida ed efficace prosecuzione del processo in sede di impugnazione nei confronti della società quando l’evento interruttivo non sia stato notificato all’altra parte, quale professato da tale ultima pronuncia a Sezioni Unite (epperò, in evidente contrasto con il precedente e assai severo arrêt del 2009 delle stesse Sezioni Unite per l’ipotesi di morte della parte vittoriosa intervenuta prima che l’impugnazione sia stata notificata), non risulta applicabile al caso di specie, in cui l’estinzione della s.a.s. era conosciuta dall’appellante, che ne ha dato espressamente atto nella premessa della sua impugnazione e che, in ragione di ciò, ha ritenuto di notificare l’atto di appello sia al procuratore domiciliatario costituito in primo grado per la società, sia alla persona fisica, già socia accomandataria e liquidatrice della società.

 

  1. Nel procedimento in oggetto, la notifica dell’atto di appello effettuata alla società T sas (già estinta), secondo il costante orientamento della Suprema Corte, deve considerarsi inesistente, per inesistenza del soggetto notificando (cfr. Cassazione civile 16 settembre 2011 n. 18983[cit. in nota 24]e Cass. n. 9504/02 [Arch. civ., 2003, 440]).

Parimenti inesistente deve considerarsi la costituzione in giudizio di tale società a mezzo del procuratore che ha ricevuto il mandato difensivo successivamente alla estinzione della società: infatti, l’assenza dello ius postulandi del detto professionista è conseguente al difetto di soggettività giuridica della parte rappresentata al momento del rilascio della procura.

Per quanto concerne la notificazione dell’atto di appello a T D nella sua veste di liquidatore della sas, pur avendosi presente il principio secondo cui per le società di persone, “dalla cancellazione della società i creditori sociali che non sono stati soddisfatti possono far valere i loro crediti nei confronti dei soci e, se il mancato pagamento è dipeso da colpa dei liquidatori, anche nei confronti di questi” (art. 2312 c.c., applicabile anche agli accomandatarii a mente dell’art. 2324 c.c.), va, non di meno, osservato che l’azione dei creditori sociali nei confronti dei liquidatori, presupponendo la deduzione in giudizio di una loro colpevole condotta nel condurre le operazioni liquidatorie, implica, evidentemente, una domanda nuova in appello (di qui l’i­ne­vitabile inammissibilità dell’appello proposto nei confronti della sig.ra D T nella sua qualità di liquidatrice).

Resta, dunque, da stabilire la sorte dell’appello proposto nei suoi confronti, in qualità di socia accomandataria.

In altri termini occorre stabilire se la notifica dell’atto di appello effettuata alla socia accomandataria valga a consentire la prosecuzione del giudizio di primo grado in sede di gravame, impedendo il formarsi di un giudicato; ovvero, più correttamente, se il socio accomandatario possa ritenersi “successore” della estinta società, con la conseguenza di assicurare una valida pronuncia in sede di appello sostitutiva, a tutti gli effetti, di quella pronunciata in primo grado nei confronti della società estintasi nelle more fra la sentenza di primo grado e la notificazione dell’atto di appello.

Il problema degli effetti sul processo dell’estinzione di una s.a.s. e di prosecuzione del processo nei confronti dei soggetti legittimati non pare facilmente risolvibile.

 

  1. L’art. 2495 c.c., che è norma sostanziale, contiene un riferimento alla sola proposizioneex novodella domanda giudiziale (dei creditori sociali nei confronti dei soci «fino alla concorrenza delle somme da questi riscosse in base al bilancio finale di liquidazione» e nei confronti dei liquidatori «se il mancato pagamento è dipeso da colpa di questi») prevedendosi che, se essa è proposta entro un anno dalla cancellazione, possa essere «notificata presso l’ultima sede della società».

Nulla invece dispone con riguardo alle liti pendenti.

La legittimazione passiva del socio illimitatamente responsabile (di una sas) non pare riconducibile a un fenomeno di successione universale in locum et ius della società estinta (il socio accomandatario ha una responsabilità originaria in quanto socio illimitatamente responsabile delle obbligazioni della società) e neppure sembra ipotizzabile un fenomeno successorio di tipo “necessario” (nell’ac­ce­zio­ne diversa da quella che rinvia alla successione necessaria dei legittimari e avvicina invece i soci della società estinta allo Stato quale erede “necessario”), sconosciuto al nostro Ordinamento, che consente al successore universale la rinuncia all’eredità e configura tale diritto potestativo come principio di ordine pubblico.

Difetterebbero, dunque, i presupposti di cui all’art. 110 c.p.c.

Neppure appaiono ravvisabili i presupposti di cui all’art. 111 c.p.c. (successione nel processo a titolo particolare nel diritto controverso), mancando qui una fattispecie di trasferimento dei crediti azionati, poiché il socio illimitatamente e solidalmente responsabile non è subentrato nella posizione giuridica della società, essendo invece ab origine un condebitore solidale, sia pur beneficiario, ma solo in sede esecutiva, dell’onere di preventiva escussione del patrimonio sociale imposto ai creditori ex art. 2304 c.c.

Un problema, quello dianzi delineato, tanto più grave quando il processo debba proseguire nei gradi di impugnazione e quando la società estintasi sia destinataria del­l’atto d’impugnazione, in quanto vittoriosa nel precedente grado di giudizio, faticandosi non poco, per le ragioni dette, a rinvenire un successore legittimato a proseguire il giudizio.

Peraltro, a non dissimili conclusioni, se non addirittura a conclusioni più penalizzanti, si perviene in caso di società di capitali, dove la legittimazione passiva dei soci è circoscritta, per espressa disposizione di legge (art. 2495 c.c.) entro i limiti dell’attivo del bilancio da ciascuno di essi riscosso e la estinzione della società determina, senza dubbio, la necessità di intraprendere un nuovo giudizio, fondato su una diversa causa petendi.

 

  1. Rebus sic stantibus, l’applicazione della regola d’im­me­diata estinzione della società per effetto di volontaria cancellazione dal registro delle imprese, quale sancita dalle Sezioni Unite in relazione all’art. 2495 c.c., contrasta con il principio fissato dalle Sezioni Unite 19509/2010, secondo cui occorre operare “un attento bilanciamento tra le esigenze del soggetto che intenda impugnare la decisione sfa­vorevole e quelle del soggetto protagonista di una vicenda modificatrice della capacità di stare in giudizio, dallo stesso voluta”.

Ed invero, se il processo si interrompe sol per effetto di volontaria cancellazione, non rinvenendosi un successore della stessa legittimato a proseguirlo, la società estinta potrebbe agevolmente sottrarsi alle obbligazioni e finanche impedire la valida interposizione di un gravame, provocando in tal modo la formazione del giudicato per inammissibilità dell’impugnazione rivolta ad un soggetto non più esistente.

L’orientamento anteriore alla novella dell’art. 2495 c.c., quale oggi interpretato dalle Sezioni Unite, evitava conseguenze di tal genere, ritenendo che, in pendenza di rapporti di debito o di credito (tanto più se sub iudice), la società, sebbene cancellata dal registro delle imprese, non si estinguesse (cfr., ex plurimis, Cass. 646/2007), in tal modo assicurando la legittima e naturale prosecuzione dei processi, per non essersi verificato alcun evento interruttivo fino all’esaurimento di tutti i rapporti giuridici pendenti.

Tale orientamento, già criticato in dottrina e superato a seguito della modifica dell’art. 2495 c.c. nell’inter­pre­ta­zione datane dalle Sezioni Unite, consentiva, se non altro, che l’estinzione della società non producesse effetti sulle liti in corso, garantendone la pacifica proseguibilità in ogni stato e grado del giudizio.

L’irragionevolezza di un effetto interruttivo sul processo sol per effetto di una volontaria cancellazione dal registro delle imprese appare evidente, tanto più allorché ciò avvenga tra un grado e l’altro del giudizio, quando si debba evitare la formazione del giudicato attraverso la notifica dell’im­pugnazione alla parte vittoriosa, munita di legittimazione.

  1. L’impossibilità di identificare un successore nel processo e nellares litigiosain caso di estinzione della società per intervenuta cancellazione e, dunque, di un soggetto legittimato a stare in giudizio, nei cui confronti poter proseguire il processo, instaurando il giudizio d’impugnazione, viola non soltanto il principio di eguaglianza, ex art. 3 Cost., anche nelle sue declinazioni in termini di ragionevolezza – intesa come generale esigenza di coerenza dell’or­dinamento giuridico – ma viola, altresì, i canoni fondamentali del giusto processo e del diritto alla difesa e alla tutela giurisdizionale ex artt. 24 e 111 Cost..

Quanto all’art. 3 Cost., è evidente la sperequazione nella gestione delle cause fra persone fisiche e persone giuridiche, potendo il rapporto processuale instauratosi con le persone fisiche trasferirsi in capo agli eredi, al contrario di quanto accade, in virtù del novellato art. 2495 c.c., in riferimento alle persone giuridiche, rispetto alle quali il rapporto processuale si estingue senza la possibilità dell’esame dei crediti in discussione.

Quanto all’art. 24 Cost., si evidenzia che viene concessa la facoltà a una parte di sottrarsi ai propri obblighi con un semplice atto formale di cancellazione dal Registro delle imprese, impedendosi alla parte soccombente, alla stregua dei ricordati principii delle Sezioni Unite, di instaurare un valido rapporto processuale d’impugnazione, adeguando il processo alle modificazioni intervenute nel campo sostanziale, come impone Cass., sez. un., 26279/2009.

Quanto all’art. 111 Cost., si osserva che viene costretta una parte processuale ad instaurare un nuovo giudizio, ripercorrendo gradi già esauriti, così determinandosi un in­dub­bio dispendio di energie nella rivalutazione di fatti già in precedenza vagliati e con l’ulteriore conseguenza del­l’inevitabile protrarsi della durata del processo. In base al diritto vivente non pare possibile fornire un’inter­pre­tazione costituzionalmente orientata del plesso di norme sin qui esaminate, stante l’intervento nomofilattico delle Sezioni Unite sia sull’estinzione della società per intervenuta cancellazione ex art. 2495 c.c., sia sugli effetti interruttivi del­l’estinzione tra un grado e l’altro del processo, allorché (come nella specie) noti alla parte impugnante.

La mancata possibilità di individuare un successore legittimato a proseguire il giudizio di appello instaurato avanti questa Corte di merito non potrebbe che condurre ad una mera declaratoria di carattere processuale, (id est: il sopravvenuto difetto di legittimazione ad causam, nella specie passiva, della società), senza alcuna statuizione nel merito (cfr. Appello Milano, I sez. civ., sentenza n. 1072/2012, est. Secchi).

Risulta perciò rilevante e non manifestamente infondata, ad avviso di questa Corte, la questione di legittimità costituzionale degli artt. 2495 c.c. e 328 c.p.c. nella parte in cui non prevedono, in caso di estinzione della società per effetto di volontaria cancellazione dal registro delle imprese, che il processo prosegua o sia proseguito nei gradi di impugnazione da o nei confronti della società cancellata, sino alla formazione del giudicato.

P.Q.M.

la Corte d’Appello di Milano, sez. I civile, visti gli artt. 134 Cost. e 23 L. 11.3.53 n. 87; ritenuta non manifestamente infondata e rilevante ai fini del decidere la questione di legittimità costituzionale degli artt. 2945 c.c. 328 c.p.c. nella parte in cui non prevedono, in caso di estinzione della società per effetto di volontaria cancellazione dal registro delle imprese, che il processo prosegua o sia proseguito nei gradi di impugnazione da o nei confronti della società cancellata, sino alla formazione del giudicato

DISPONE

la rimessione degli atti alla Corte Costituzionale, sollevando la questione di legittimità costituzionale degli artt. 2495 c.c. e 328 c.p.c. rispetto ai parametri costituzionali di cui agli artt. 3, 24 e 111 Cost.

DISPONE

La sospensione del procedimento in corso sino alla pronuncia della Corte Costituzionale

ORDINA

La notificazione della presente ordinanza al Presidente del Consiglio dei Ministri e la comunicazione della stessa ai Presidenti della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica

ORDINA

La trasmissione dell’ordinanza alla Corte Costituzionale unitamente agli atti del giudizio, con prova delle avvenute notificazioni e delle comunicazioni prescritte.

Milano, addì 1.02.2012

Il Consigliere estensore                                   Il Presidente

PAROLE CHIAVE: società - cancellazione - cancellazione registro imprese - estinzione - estinzione società - incostituzionalità

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

COMMENTO

Sommario:

1. Il caso - 2. Normativa di riferimento - 3. Orientamenti ormai consolidati in dottrina e giurisprudenza - 4. Il commento. Morte di una parte ed interruzione del processo tra un grado e l’altro del giudizio - 5. La costituzione spontanea della società estinta ed il mandato difensivo conferito al procuratore - 6. La legittimazione passiva del liquidatore - 7. La legittimazione passiva dei soci - 8. Contro i soci è solo possibile intrapren­dere un nuovo giudizio - 9. Considerazioni sulla questione di costi­tuzionalità - NOTE


1. Il caso

B spa, condannata a rifondere una somma di denaro ad una società in accomandita semplice (anche a titolo di spese legali), impugna la sentenza che le è sfavorevole. Pochi giorni prima della notifica del gravame, la società appellata si cancella dal Registro delle imprese. La circostanza è nota all’appellante, che, pertanto, procede alla notifica, oltre che alla società presso il suo procuratore costituito in primo grado, anche alla socia liquidatrice. Entrambe le con­venute eccepiscono l’inammissibilità del gravame. La Corte d’Appello ritiene che: 1) la società appellata vada considerata irreversibilmente estinta, anche se la controversia giudiziale in oggetto non sia stata definita con sentenza passata in giudicato; 2) la notifica dell’atto di appello si debba considerare inesistente, perché è venuto meno il soggetto notificato; 3) la costituzione in giudizio della società convenuta sia ugualmente inesistente, per difetto di soggettività giuridica della parte e per assenza dello ius postulandi in capo al suo procuratore; 4) l’appello nei confronti della liquidatrice sia inammissibile, perché presupporrebbe lo svolgimento di una domanda nuova (mancato pagamento per colpa), ovviamente non consentito in secondo grado; 5) la socia illimitatamente responsabile non possa essere considerata “successore” della società [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Normativa di riferimento

L’art. 2495 c.c., così come novellato dalla riforma societaria [1], stabilisce che, approvato il bilancio finale di liquidazione, i liquidatori debbano chiedere la cancellazione della società dal registro delle imprese. I creditori sociali insoddisfatti, ferma restando l’estinzione della società dopo la cancellazione, possono far valere le loro ragioni solo nei confronti dei soci o dei liquidatori. Nei paragrafi seguenti analizzeremo i limiti sostanziali e processuali a cui è soggetta tale azione. Va anticipato che la disciplina dei rapporti giuridici pendenti, delle sopravvivenze o sopravvenienze attive o passive, delle azioni già svolte o da esercitarsi da o contro una società cancellata non può trarsi esclusivamente dalle scarne previsioni codicistiche che, pertanto, vanno integrate con la più recente giurisprudenza e con l’insegna­mento di una dottrina spesso risalente.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Orientamenti ormai consolidati in dottrina e giurisprudenza

La Suprema Corte intervenendo, a sezioni unite [2], per comporre un contrasto giurisprudenziale, ha sancito che: a) la cancellazione delle società di capitali e delle cooperative dal registro delle imprese ha efficacia costitutiva[3]e ne determina l’estinzione, con effetto immediato ed irreversibile, indipendentemente dal­l’esistenza di creditori non soddisfatti o di rapporti giuridici ancora non definiti [4]. Con l’estinzione viene meno la soggettività e la capacità processuale [5] della società, che, quindi, non può più essere rappresentata dai propri liquidatori; b) l’art. 2495 c.c., come modificato dal D.lgs. 6/2003, ha portata innovativa ed ultrattiva[6]: dunque, si applica anche alle cancellazioni iscritteprima della sua entrata in vigore [7]; c) la cancellazione dal registro delle imprese delle società di persone[8], nonostante abbia natura meramente dichiarativa, determina una presunzione, opponibile ai creditori sociali, del venir meno della loro capacità[9] e legittimazione, negli stessi limiti temporali previsti per quelle di capitali. Il fenomeno opera anche se perdurano rapporti o azioni di cui le società siano parti [10]. Vi è, infatti, la necessità di disciplinare in maniera omogenea situazioni sostanzial­­mente analoghe di dissoluzione della compagine sociale. La cancellazione di una società, in [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Il commento. Morte di una parte ed interruzione del processo tra un grado e l’altro del giudizio

La Corte d’appello di Milano, in applicazione dei principi sovra-enunciati, dichiara che l’estinzione di una parte processuale (la s.a.s.) si è verificata tra un grado e l’altro del giudizio; qualifica, seppur in modo non del tutto convinto, l’evento come “interruttivo” e dichiara inesistente (per inesistenza del soggetto destinatario) la notifica del gravame effettuata alla società presso il procuratore costituito. Verifichiamo se la soluzione è corretta. La Corte d’appello applica, in primo luogo, la disciplina generale in tema di “morte della parte vittoriosa”. In forza dell’art. 328 c.p.c., l’impugnazione va rivolta e notificata agli eredi e non al defunto (presso il suo procuratore costituito). Il momento in cui il decesso è avvenuto o l’eventuale ignoranza incolpevole della morte sono del tutto irrilevanti talché, se l’impugnazione è stata rivolta al defunto, non è possibile applicare la disciplina dell’art. 291 c.p.c. [22]. Quando, infatti, è finito un grado del giudizio e se apre un altro, le parti tornano nella situazione iniziale in cui si trova l’attore che, prima di proporre la domanda, deve appurare l’esistenza del proprio contraddittore. L’ordinanza in commento richiama, poi, per analogia, la fattispecie dell’impugnazione svolta contro una società che, dopo la chiusura della [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. La costituzione spontanea della società estinta ed il mandato difensivo conferito al procuratore

La spontanea costituzione in giudizio della società cancellata, a mezzo del suo procuratore, deve considerarsi ugualmente inesistente, sia che il difensore abbia ricevuto il mandato prima [26] (della pubblicità) dell’evento, che successivamente. Nella seconda ipo­­­tesi, l’inesistenza ed il conseguente difetto di soggettività giuridica [27] della parte rappresentata al momento del rilascio della procura determina l’as­senza dello ius postulandi in capo al difensore. Va aggiunto che il conferimento del mandato al procuratore, da parte di una società di persone, successivamente alla sua cancellazione, non vale a far rivivere l’ente. Se è pur vero che la pubblicità della cancellazione ha natura meramente dichiarativa e determina solo una presunzione del venir meno della capacità e della legittimazione della società, il rilascio della procura alle liti non basta certamente per evitare l’estinzione. Per considerare ancora in vita la società occorre, invece, l’esercizio dell’attività d’im­presa e cioè lo stesso requisito che potrebbe condurre al suo fallimento [28].

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


6. La legittimazione passiva del liquidatore

Anche la notificazione del gravame ai liquidatori è inammissibile. L’art. 2312 c.c. prevede che, dal momento della cancellazione, i creditori sociali che non sono stati soddisfatti possono far valere i loro crediti nei confronti dei liquidatori, se il mancato pagamento è dipeso da loro colpa [29]. Va, però, osservato che si tratta di un’azione autonoma con presupposti e causa petendi diversa [30] da quella già promossa nei confronti della società. È, infatti, necessario dedurre in giudizio una colpevole condotta dei convenuti nella conduzione delle operazioni liquidatorie [31] e svolgere una domanda nuova [32], inammissibile in appello.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


7. La legittimazione passiva dei soci

Il problema centrale da affrontare è quale sia l’effetto dell’estinzione della società sui rapporti in atto (specialmente sull’accertamento/soddisfacimen­to delle passività non liquidate) [33] e, quindi, su un processo pendente, in cui l’impresa sia parte convenuta o anche, pur se statisticamente più raro, attrice [34]. È, infatti, tutt’altro che infrequente l’ipotesi in cui i liquidatori provvedano alla cancellazione in presenza di procedimenti giudiziali non ancora esauriti. Nel caso di specie, in particolare, è necessario definire: 1) quale sia la sorte dell’appello proposto nei confronti del socio; 2) se la notifica dell’atto di impugnazione a lui diretta valga a consentire la prosecuzione del giudizio in sede di gravame e 3) se il socio possa ritenersi “successore” della società estinta. Una risposta affermativa consentirebbe di pronunciare una sentenza, che potrebbe riformare quella di primo grado. Come osservato dalla corte, la questione non è di facile soluzione, anche perché l’art. 2495 c.c. – norma meramente sostanziale – disciplina la sola proposizione ex novo della domanda giudiziale dei creditori nei confronti dei soci o dei liquidatori, ma nulla dispone per le liti pendenti. Anche il ricorso alle altre fonti non è risolutivo, in quanto la giurisprudenza di merito è assai [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


8. Contro i soci è solo possibile intrapren­dere un nuovo giudizio

Il provvedimento in commento giunge, per rifuggirla in quanto troppo penalizzante, all’ovvia ed inevitabile conclusione che i creditori, dopo l’estinzione della società sono titolari di una nuova ed autonoma azione [60]/[61]contro gli ex soci, da esercitare in un nuovo giudizio [62]. Si tratta di una soluzione corretta, perché l’azione contro i soci presenta: fattispecie costitutiva [63], causa petendi [64], obiettivo conseguibile [65], modalità di attivazione e di gestione profondamente diverse rispetto a quella contro la società. Nella nuova controversia non è indispensabile che siano evocati tutti gli ex soci; non esiste alcun litisconsorzio necessario ed i creditori sociali possono proporre l’azione contro un numero di soci tale da garantire il soddisfacimento del loro credito [66].

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


9. Considerazioni sulla questione di costi­tuzionalità

La Corte d’Appello di Milano, partendo da queste premesse (a mio parere corrette), ritiene che l’appli­ca­zione della regola dell’immediata estinzione per effetto della volontaria cancellazione dal registro delle imprese e l’impossibilità di proseguire il proces­so in assenza di un successore nel diritto controverso, contrastino con un altro principio fissato dalle Se­zioni Unite. Il riferimento è a Cass. n. 19509/2010, resa in una fattispecie di fusione per incorporazione e conseguente estinzione del soggetto incorporato [67]. Secondo la Suprema Corte occorre operare “un attento bilanciamento tra le esigenze del soggetto che intenda impugnare la decisione sfavorevole e quelle del soggetto protagonista di una vicenda modificatrice della capacità di stare in giudizio, dallo stesso voluta”. L’affermazione di principio era diretta ad escludere l’onere di una permanente consultazione del registro delle imprese in capo alla parte interessata all’impugnazione. Non credo, pertanto, che sia possibile estrapolarla dal contesto in cui è stata resa ed attribuirle un significato ed una valenza che travalichino tali confini. Ritengo, inoltre, che la massima non sia pertinente, perché per proseguire il processo è indispensabile che esista un successore nel diritto controverso (ad es. l’incor­porante, nell’ipotesi della fusione) e, ove manchi, il giudice [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio