home / Archivio / Fascicolo / Osservatorio sulla giurisprudenza del Tribunale di Napoli

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Osservatorio sulla giurisprudenza del Tribunale di Napoli

a cura di Paolo Ghionni Crivelli Visconti, Carlo Lamatola, Mirta Morgese

Sommario:

TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa, 9 novembre 2017 (ord.) – Quaranta, G.D. R.G. n. 25554/2017 - TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa, 3 febbraio 2017 – Buttafoco, Presidente – Reale, Relatore R.G. n. 33833/2017 - TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa 3 gennaio 2017 – Rustichelli, Presidente – Quaranta, Relatore R.G. n. 98363/2915 - TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa, 29 novembre 2016 – Buttafoco, Presidente – Quaranta, Relatore R.G. n. 1637/2013 e n. 26047/2013 - TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa, 23 novembre 2016 – Quaranta, G.D. R.G. n. 29070/2016 - TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia d’impresa, 22 novembre 2016 – Quaranta, G.D. R.G. n. 25752/2016 - TRIBUNALE DI NAPOLI, VII Sezione civile, 29 giugno 2016 De Matteis, G.U. R.G. n. 25756/2014


TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa, 9 novembre 2017 (ord.) – Quaranta, G.D. R.G. n. 25554/2017

Società a responsabilità limitata – Quote – Sequestro – Presupposti – Periculum in mora – Contenuto (Art. 2471 bis c.c.) Per la concessione del sequestro conservativo di quote di s.r.l. occorre valutare, ai fini del periculum in mora, la sussistenza di un timore ragionevolmente fondato circa l’infruttuosità dell’azione di merito, valutando, sul piano soggettivo, il comportamento del debitore e, su quello oggettivo, il momento in cui si è verificata l’incapienza patrimoniale (cl).

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa, 3 febbraio 2017 – Buttafoco, Presidente – Reale, Relatore R.G. n. 33833/2017

  Società di capitali – Scissione – Fallimento della società scissa – Azione risarcitoria del danno subito a causa dell’invalidità della scissione – Azione volta ad accertare la responsabilità delle società risultanti dalla scissione per le obbligazioni rimaste inadempiute della società scissa – Azioni individuali – Mancanza di legittimazione attiva in capo al curatore fallimentare (Artt. 2504-quater, 2° comma; 2506-ter, 5° comma, 2506-quater, 3° comma, c.c.; artt. 42, 43 legge fall.)   Il pregiudizio cagionato dalla scissione non colpisce in egual modo il ceto creditorio della società scissa, poi fallita, essendo necessaria la valutazione della posizione di ciascun creditore al momento dell’operazione; pertanto, il curatore fallimentare non è legittimato a proporre né l’azione di risarcimento del danno provocato alla stessa dall’invalidità della scissione (artt. 2504-quater, 2° comma, 2506-ter, 5° comma, c.c.), né l’azione volta ad accertare la responsabilità delle società risultanti dalla scissione per le obbligazioni rimaste inadempiute della società scissa (2506-quater, 3° comma, c.c.). La legittimazione attiva del curatore fallimentare è, infatti, limitata alle c.d. azioni di massa, ossia a quelle azioni per le quali non è richiesta la verifica della [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa 3 gennaio 2017 – Rustichelli, Presidente – Quaranta, Relatore R.G. n. 98363/2915

Società a responsabilità limitata – Responsabilità degli amministratori – Legittimazione passiva degli eredi rinunzianti – Insussistenza – Conoscenza o conoscibilità della rinunzia da parte della società – Necessità (Artt. 519, 2476, 1° comma, c.c.) L’erede dell’amministratore è legittimato passivo nell’azione di responsabilità per i danni causati nella gestione sociale. Nondimeno, tale legittimazione viene meno nell’ipotesi di rinuncia all’eredità di cui la controparte era o poteva essere diligentemente a conoscenza. Società a responsabilità limitata – Responsabilità degli amministratori verso la società – Applicabilità della disciplina della responsabilità degli amministratori di s.p.a. – Inadempimento contrattuale – Imputabilità – Presupposti (Artt. 1218, 2381, 2392, 2476, 1° comma, c.c.) A mente dell’art. 2476, 1° comma, c.c. la responsabilità degli amministratori di s.r.l. verso la società sussiste in presenza di una violazione degli obblighi derivanti dalla legge o dall’atto costitutivo, in seguito ad un danno al patrimonio sociale ed in presenza di un nesso causale tra la violazione di tali doveri ed il pregiudizio subito. Devono ritenersi richiamati i princìpi in materia di responsabilità degli amministratori di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa, 29 novembre 2016 – Buttafoco, Presidente – Quaranta, Relatore R.G. n. 1637/2013 e n. 26047/2013

Società per azioni – Intestazione fiduciaria di azioni – Presenza di una formale procura – Esclusione (Art. 2355 c.c.) Non ricorre il fenomeno interpositorio proprio dell’intestazione fiduciaria di azioni quando i diritti sociali attribuiti dai titoli azionari sono esercitati da un terzo in forza di una formale procura. Società per azioni – Trasferimento delle azioni – Simulazione – Legittimazione della società - Esclusione (Artt. 1415, 2° comma, 2355 c.c.) La società non è legittimata a far valere l’accordo simulatorio avente ad oggetto la cessione dei titoli azionari in assenza di lesione dei propri diritti, come quando la stessa sia chiamata a liquidare la quota del socio in seguito all’esercizio del diritto di recesso, poiché, in applicazione della disciplina dei titoli di credito, il debitore è liberato quando paghi a colui che risulti formale titolare delle azioni nelle forme prescritte dalla legge. Società per azioni – Responsabilità degli amministratori verso la società – Effetti del giudicato penale – Esclusione (Artt. 1223, 2393 c.c.; artt. 40-41 c.p.; art. 652 c.p.p.) L’efficacia della sentenza penale di assoluzione degli amministratori di s.p.a. non è invocabile nei confronti della società che non sia stata messa in condizione di costituirsi parte civile nel processo penale. In tal caso [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia di impresa, 23 novembre 2016 – Quaranta, G.D. R.G. n. 29070/2016

Società a responsabilità limitata – Costituzione della società – Divergenza tra titolare formale e sostanziale delle quote – Configurabilità dell’intestazione fiduciaria e non di quella fittizia (Artt. 2463, 2468, 2470 c.c.)   In tema di s.r.l. l’intestazione delle quote, in sede di costituzione, a soggetti diversi dal reale proprietario non può dar luogo né a simulazione assoluta, né ad interposizione fittizia, bensì ad un negozio fiduciario (c.d. interposizione reale), giacché l’effettivo intento di costituire la società esclude che possa ricorrere l’ipotesi della simulazione assoluta, così come l’inesistenza della società al momento della stipula dell’atto costitutivo rende inconfigurabile la fattispecie dell’interposizione fittizia per la mancanza di un accordo trilaterale tra stipulante effettivo (interponente), apparente (interposto) e terzo contraente (pgcv).

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


TRIBUNALE DI NAPOLI, Sezione specializzata in materia d’impresa, 22 novembre 2016 – Quaranta, G.D. R.G. n. 25752/2016

Società a responsabilità limitata – Clausola di esclusione del socio – Requisiti di validità – Specifica predeterminazione delle cause (Art. 2473-bis c.c.) Affinché la clausola di esclusione sia valida, è necessario che la giusta causa sia predeterminata in modo specifico nell’atto costitutivo, al fine di evitare che la decisione di estromissione sia rimessa alla mera discrezionalità dei soci.   Società a responsabilità limitata – Clausola di esclusione del socio e connessa penale a carico dell’inadempiente – Possibilità di chiedere la riduzione giudiziale della penale per manifesta iniquità – Impugnazione dell’esclusione – Accoglimento e conseguente liberazione dall’obbligo di pagare la penale (Artt. 1382, 1384, 2473-bis c.c.) È legittima la clausola di esclusione cui si accompagni la previsione di una penale a carico del socio inadempiente da estromettere. Quest’ultimo può sempre ottenere la riduzione della penale, nel caso in cui il giudice ne constati la manifesta iniquità; il socio può, altresì, contestare la fondatezza della delibera che ne ha stabilito l’esclusione e, in caso di accoglimento della domanda, viene meno l’obbligo di eseguire la prestazione stabilita ai sensi dell’art. 1382 c.c.   Società a responsabilità limitata – [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


TRIBUNALE DI NAPOLI, VII Sezione civile, 29 giugno 2016 De Matteis, G.U. R.G. n. 25756/2014

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio