home / Archivio / Fascicolo / Sul regime di 'prorogatio' degli amministratori di società a partecipazione pubblica di tipo ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Sul regime di 'prorogatio' degli amministratori di società a partecipazione pubblica di tipo in house

Alessandro Salvador, Silvia Adani

Il presente contributo affronta il tema delle società in house provid­ing, soggette a c.d. “controllo analogo” da parte di enti pubblici. Siffatto schema societario pone inedite problematiche attinenti la governace, con particolare riferimento alla fattispecie della decadenza degli amministratori e al successivo regime di prorogatio. Sotto tale profilo, questo articolo esamina le principali questioni relative all’operatività della società in house, illustrando altresì possibili rimedi al fine di ovviare all’eventuale inerzia della pubblica amministrazione, quale socio di controllo, in caso di mancata nomina del nuovo organo gestorio

PAROLE CHIAVE: in-house company - prorogatio - decadenza amministratori - governance - art. 2449 c.c - art. 2385 c.c. - d.lgs. 19 agosto 2016, n. 175

The 'prorogatio' regime applicable to the directors of in house providing companies

This paper deals with in house providing companies under so-called “analogous control” of public administration entities. This particular kind of company raises unprecedented governance issues with regard to the end of directors’ mandate and to their prorogatio regime. The analysis addresses the practice main concerns related to this phase of the company’s operation and sheds some light on possible tools and remedies to tackle a potential dead-lock situation related to the lack of re-appointment of new directors by the controlling shareholder.

Sommario:

1. Introduzione - 2. Le societÓ in house providing: la longa manus della pubblica amministrazione? - 3. La governance delle societÓ in house providing: nomina e revoca degli organi amministrativi - 4. (Segue). Il regime di prorogatio a seguito della decadenza degli amministratori e sindaci: differenze con le altre partecipate - 5. L'inerzia della pubblica amministrazione nella nomina dei nuovi organi societari: profili di responsabilitÓ - 6. (Segue). Rimedi di fronte all'inerzia della p.a. - NOTE


1. Introduzione

La regolazione del fenomeno delle società a partecipazione pubblica è stata a lungo connotata da frammentarietà ed eterogeneità delle fonti, con plurimi e spesso disorganici interventi normativi. Per anni giurisprudenza e dottrina hanno tentato, e tutt’ora si sforzano, di ricostruire un quadro unitario in una materia che, per sua stessa natura, pare destinata a muoversi in una incerta terra di confine tra il diritto amministrativo e il diritto commerciale, dove l’innesto di principi consolidati nell’uno e nell’altro ambito non è automaticamente predicabile [[1]]. Un tentativo di sistemazione della materia è intervenuto nell’ambito della più complessa riorganizzazione dell’amministrazione pubblica di cui alla c.d. Riforma Madia (legge 7 agosto 2015, n. 124), laddove il legislatore ha introdotto una disciplina delle società a partecipazione pubblica, a mezzo del d.lgs. 19 agosto 2016, n. 175, meglio noto come Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica (“TUSP”), nel dichiarato intento di assicurare maggiore chiarezza, semplificazione delle norme, in uno con un migliore utilizzo delle risorse pubbliche [[2]]. L’entrata in vigore del TUSP – e la successiva novella a seguito del decreto correttivo (d.lgs. n. 100/2017) [[3]] – ha apportato maggiore organicità alla disciplina delle società a partecipazione [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Le societÓ in house providing: la longa manus della pubblica amministrazione?

Le società c.d. in house providing costituiscono un peculiare modello di società per la gestione dei servizi pubblici, nato in seno alla giurisprudenza comunitaria con la nota sentenza Teckal della Corte di Giustizia nel 1999 [[5]] e, successivamente, riconosciuto anche a livello normativo, da ultimo nel TUSP. La portata dirompente della sentenza Teckal consiste nell’aver, per la prima volta, esonerato l’ente pubblico – in presenza di una società affidataria c.d. in house – dall’obbligo di preventivo espletamento delle procedura ad evidenza pubblica, consentendo dunque alla p.a., in forza del peculiare legame con il soggetto affidatario, di procedere all’affidamento diretto di appalti e servizi pubblici, in deroga ai principi di libera concorrenza e parità di trattamento degli operatori economici [[6]]. Inoltre, la sentenza in esame e le successive pronunce comunitarie della Corte di Giustizia hanno consentito di delineare i tre requisiti caratterizzanti il modello delle società in house: (i) la destinazione prevalente dell’attività in favore degli enti partecipanti alla società; (ii) la sottoposizione ad un “controllo analogo”, corrispondente a quello esercitato dall’ente pubblico sui propri servizi; (iii) la natura esclusivamente pubblica dei soci [[7]]. Il TUSP ha recepito – sebbene con alcuni adattamenti – tali requisiti, fornendo una [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. La governance delle societÓ in house providing: nomina e revoca degli organi amministrativi

Il tema della nomina e revoca degli organi amministrativi delle società in house non può prescindere dal richiamo all’art. 2449 c.c. [[13]], che detta una disciplina peculiare per le sole società per azioni a partecipazione pubblica [[14]]. Segnatamente, la disposizione in parola consente allo Stato o all’ente pubblico (che possiedano partecipazioni in una società per azioni) la facoltà – (solo) a fronte di un’espressa clausola statutaria in tal senso – di provvedere alla nomina diretta di amministratori e sindaci e alla loro eventuale revoca. Attraverso il riconoscimento di siffatto diritto, il legislatore ha inteso attribuire al “socio pubblico” un potere maggiore rispetto a quello riconosciuto agli altri soci, in ragione dell’interesse pubblico (indirettamente) perseguito dalla società [[15]]. Con riferimento alle società partecipate pubbliche che non fanno ricorso al mercato del capitale di rischio [[16]], il criterio previsto per la nomina dell’organo amministrativo e di sorveglianza è fondato su un sistema proporzionale alla partecipazione detenuta dall’ente pubblico; una volta nominati in sede extra assembleare, i soggetti sono poi equiparati, quanto ai diritti e ai relativi obblighi, agli amministratori di nomina assembleare. La facoltà di nomina e revoca attribuita dall’art. 2449 c.c. al socio pubblico (a mezzo di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. (Segue). Il regime di prorogatio a seguito della decadenza degli amministratori e sindaci: differenze con le altre partecipate

Per tutte le società a partecipazione pubblica diverse dalla società in house, il TUSP nulla prevede in merito alla disciplina applicabile in caso di scadenza del mandato di amministratori o sindaci, con ciò rimandando alla disciplina societaria comune della prorogatio prevista dal codice civile, in forza del rinvio espresso operato dal già citato art. 1, 3° comma, TUSP. Diversamente, il legislatore ha inteso dettare una disciplina peculiare e differenziata proprio per le società in house, alle quali si applicano le regole sulla prorogatio espressamente dettate dalla legge n. 444/1994 per gli organi amministrativi degli enti pubblici. Le conseguenze di questa differenziazione sono tutt’altro che marginali in punto di disciplina. Per tutte le società a partecipazione pubblica diverse dalla società in house, trova infatti applicazione la disciplina codicistica della “cessazione degli amministratori” di cui all’art. 2385 c.c., il cui 2° comma dispone che «la cessazione degli amministratori per scadenza del termine ha effetto dal momento in cui il consiglio di amministrazione è stato ricostituito». La previsione in parola – applicabile a tutte le società a partecipazione pubblica, diverse dalle in house – ha inteso dunque garantire la continuità di funzionamento della società, evitando che la cessazione della carica possa creare situazioni di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. L'inerzia della pubblica amministrazione nella nomina dei nuovi organi societari: profili di responsabilitÓ

Si assiste, purtroppo sempre più spesso, a situazioni d’inattività e inerzia da parte dell’ente pubblico socio nella nomina (anche a mezzo dello strumento di cui al­l’art. 2449 c.c.) dei nuovi membri degli organi amministrativi e di controllo di società di tipo in house. Lo stallo, di matrice spesso politica, è foriero di conseguenze anzitutto sotto il profilo della responsabilità dei soggetti titolari degli organi e uffici preposti alla nomina. Invero, mentre gli amministratori, ormai decaduti, cessata la prorogatio di quarantacinque giorni, non dispongono più di alcun potere, anche solo di impulso endosocietario, gli individui chiamati, a livello dell’ente pubblico socio, alla nomina di nuovi membri del consiglio di amministrazione della società in house sono esposti a responsabilità sotto diversi profili, in caso di mancata nomina dell’organo amministrativo. Come sancito dall’art. 6, 3° comma, legge n. 444/1994 «i titolari della competenza alla ricostituzione … sono responsabili dei danni conseguenti alla decadenza determinata dalla loro condotta». In letteratura non pare essersi sino ad oggi affrontato il tema della responsabilità in caso di inerzia dell’ente pubblico socio nella nomina dei nuovi organi amministrativi (e di controllo, se del caso), decorsi i quarantacinque giorni di prorogatio. (A) A tale riguardo, un primo profilo che [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


6. (Segue). Rimedi di fronte all'inerzia della p.a.

Abbandonato il terreno della responsabilità, ci spostiamo sul campo rimediale, i.e. dei possibili strumenti di reazione adottabili dinnanzi all’inerzia e allo stallo dell’ente pubblico socio nella nomina dei componenti degli organi amministrativi e di controllo delle partecipate “in house”. La linea d’indagine ci porta a ricondurre la situazione di stallo ad una «impossibilità di funzionamento» della società in house, con conseguente verifica dell’ac­cessibilità ai rimedi liquidatori previsti dagli artt. 2484 e ss. c.c., anche quale stimolo per sollecitare una reazione da parte dell’ente pubblico socio [[52]]. Invero, l’impossibilità di funzionamento dell’assemblea, prevista quale causa di scioglimento della società dal codice civile, potrebbe configurarsi anzitutto nel caso di inattività dell’assemblea della società in house, che sia stata (più volte) inutilmente convocata dagli amministratori (nei quarantacinque giorni di prorogatio) per dare impulso alla nomina del nuovo organo amministrativo; ma forse anche nel caso di inerzia nella nomina extra-assembleare dei nuovi amministratori da parte dell’ente pubblico, laddove questo nomini la totalità o la maggioranza del consiglio ai sensi del già citato art. 2449 c.c. L’applicazione dei rimedi liquidatori previsti dal diritto societario parrebbe una [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio