formulario DPO

home / Archivio / Fascicolo / Collegio sindacale e “Comitato per il controllo interno e la revisione contabile” nel ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Collegio sindacale e “Comitato per il controllo interno e la revisione contabile” nel sistema policentrico dei controlli

Niccolò Abriani

Sommario:

1. Corretta amministrazione e adeguatezza del sistema di controllo interno. - 2. Il sistema “policentrico” dei controlli: molti protagonisti in cerca di un coordinatore. - 3. L’organo di controllo interno come supervisore e catalizzatore del sistema dei controlli. - 4. Il “comitato per il controllo interno e la revisione contabile” di cui all’art. 19 del d.lgs. n. 39/2010. - 5. Collegio sindacale e Comitato controllo e rischi. - 6. Valutazione e vigilanza sul sistema di controllo interno nei modelli alternativi di amministrazione e controllo.– La distinzione ora delineata, chiara nel sistema tradizionale, si presenta in termini diversi nei sistemi alternativi di amministrazione e controllo introdotti dalla riforma del 2003. - 7. Convergenza funzionale e permanente distinzione di ruoli (e responsabilità) tra gli organi di amministrazione e controllo. - 8. Segue. Nuovi compiti e responsabilità del collegio sindacale. - 9. Ancora sul rapporto tra organo di controllo interno e comitatoaudit. - 10. Una sfida per le professioni: le nuove norme di comportamento del collegio sindacale. - NOTE


1. Corretta amministrazione e adeguatezza del sistema di controllo interno.

La funzione centrale rivestita dal sistema dei controlli societari nella governance delle grandi imprese azionarie rappresenta un dato ormai acquisito nei principali ordinamenti capitalistici e plasticamente scolpito anche dalla più recente stagione normativa, primaria e secondaria, del nostro diritto societario. Se si volge lo sguardo al passato si deve tuttavia constatare che sino a dieci anni or sono l’“adeguatezza della struttura organizzativa” e del “sistema di controllo interno” era evocata da una sola disposizione, di recente (allora) introduzione e riferita alle sole società quotate. Il richiamo è naturalmente all’art. 149, 1° comma, lett. b) del d.lgs. n. 58/1998 (t.u.f.), che includeva (e tuttora include) tra i doveri del collegio sindacale la vigilanza sull’adeguatezza della struttura organizzativa, del sistema di controllo interno e del sistema amministrativo contabile 1. Sottratto così al limbo della regolamentazione secondaria del settore bancario e finanziario, cui era rimasto sino ad allora relegato, il principio dell’adeguatezza degli assetti organizzativi interni dell’impresa è poi assurto, con la riforma del diritto societario del 2003, ad autentico “architrave” della governance delle società per azioni 2. Tale approdo trova la sua consacrazione normativa negli artt. 2381 e 2403 c.c., il primo dei quali [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Il sistema “policentrico” dei controlli: molti protagonisti in cerca di un coordinatore.

Come risulta da queste considerazioni preliminari, il reticolare sistema dei controlli societari vede oggi la compresenza di molti “personaggi in cerca di un coordinatore”. Si tratta, del resto e prima ancora, di personaggi frutto di più autori: il legislatore a livello di norme primarie, l’esecutivo con norme regolamentari di attuazione, e poi le autorità di vigilanza, dalla Banca d’Italia, alla Consob, all’ISVAP, sino alla disciplina autoregolamentare delineata dal Codice di autodisciplina. Nell’ultima versione del Codice è assegnato un risalto ancora più marcato al ruolo di monitoring del consiglio di amministrazione in generale e, nel suo ambito, al comitato per il controllo interno, ora ribattezzato comitato controllo e rischi, composto interamente da amministratori non esecutivi e indipendenti; ma una funzione di monitoraggio è svolta, sia pure da una prospettiva peculiare, anche dal comitato per le remunerazioni e, in un’accezione più lata, dal comitato per le proposte di nomina, anch’essi di fonte autoregolamentare. Un ulteriore coprotagonista è rappresentato, nelle società quotate, dal comitato di amministratori indipendenti previsto dal Regolamento in materia di operazioni con parti correlate emanato dalla Consob in attuazione dell’art. 2391-bis c.c.: infatti, sebbene il regolamento n. 17221/2010 non imponga di costituire appositamente un [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. L’organo di controllo interno come supervisore e catalizzatore del sistema dei controlli.

A una conta sommaria, gli organi, le funzioni e gli uffici che compartecipano al sistema dei controlli interni risultano in molte realtà societarie ben più dei sei personaggi pirandelliani. Il numero tende a crescere di anno in anno, avvicinandosi preoccupantemente alla “sporca dozzina”, un numero che evoca la musica dodecafonica. Ma se il compito della dirty dozen era quasi impossibile, la dodecafonia presuppone comunque la genialità di uno Schönberg (se non il patto con il diavolo di Adrian Leverkhün nel Doctor Faustus di Thomas Mann). In assenza di queste doti non comuni, il rischio altrimenti è che il sistema degeneri nella cacofonia. Ora, questo ruolo di accordare e raccordare il sistema, prevenendo i rischi di sovrapposizioni e dissonanze dagli esiti nefasti, è stato assegnato dalla più recente stagione legislativa all’organo di controllo interno, nelle varie configurazioni che il nostro ordinamento contempla: il collegio sindacale del sistema tradizionale di amministrazione e controllo, il consiglio di sorveglianza del sistema dualistico e il comitato per il controllo sulla gestione del sistema monistico. Tale processo ha trovato la sua consacrazione, per le società quotate e tutte le altre società riconducibili alla nuova categoria degli enti di interesse pubblico, nell’art. 19 del d.lgs. n. 39/2010. Quest’ultima, fondamentale, disposizione [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Il “comitato per il controllo interno e la revisione contabile” di cui all’art. 19 del d.lgs. n. 39/2010.

Le Disposizioni sulla governance della Banca d’Italia del 2008 hanno rappresentato una significativa anticipazione delle regole generali ora consacrate, per tutti gli enti di interesse pubblico, dall’art. 19 del d.lgs. n. 39/2010, che ha come noto attribuito al collegio sindacale (e ai corrispondenti organi di controllo dei sistemi alternativi) la funzione di coordinare, nella nuova qualità di “Comitato per il controllo interno e la revisione contabile”, alcuni degli aspetti cruciali del sistema di governo societario. In base al primo comma dell’art. 19 del d.lgs. n. 39/2010 il “comitato” – alias (nel sistema tradizionale) collegio sindacale – deve vigilare sui seguenti aspetti: a) il processo di informativa finanziaria; b) l’efficacia dei sistemi di controllo interno, di revisione interna, se applicabile, e di gestione del rischio; c) la revisione legale dei conti annuali e dei conti consolidati; d) l’indipendenza del revisore legale o della società di revisione legale, in particolare per quanto concerne la prestazione di servizi non di revisione all’ente sottoposto alla revisione legale dei conti. Lo svolgimento di queste funzioni era espressamente previsto dal legislatore comunitario come obbligatorio in tutti gli enti d’interesse pubblico; l’art. 41 della direttiva 43/2006/CE lasciava tuttavia liberi gli Stati membri di decidere in ordine [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. Collegio sindacale e Comitato controllo e rischi.

Va ancora soggiunto che è proprio con riferimento alla vigilanza sulla revisione legale dei conti che si annidavano i maggiori rischi di sovrapposizione tra il collegio sindacale (nella nuova veste di comitato per il controllo interno e la revisione contabile) e il comitato per il controllo istituito all’interno dell’organo amministrativo ai sensi del Codice di autodisciplina: comitato, quest’ultimo, che è chiamato dalla disciplina autoregolamentare, tra l’altro, a «esprimere pareri sulla progettazione, realizzazione e gestione del sistema di controllo interno» 34, a «vigilare sull’efficacia del processo di revisione contabile» 35 e ad esercitare altre funzioni direttamente e indirettamente collegate all’attività di revisione 36. A questo proposito, la recente revisione del Codice di autodisciplina ha opportunamente attenuato le sovrapposizioni, superando anche l’omonimia (oramai, quasi decettiva) tra i due comitati, ribattezzando il comitato audit come “Comitato controllo e rischi” e ridefinendone le funzioni all’interno del complessivo “Sistema di controllo interno e di gestione dei rischi” a cui è intitolato il nuovo art. 7 del Codice: con una duplice e convergente innovazione che il Commento a tale fondamentale previsione ricollega, in primo luogo, all’esigenza di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


6. Valutazione e vigilanza sul sistema di controllo interno nei modelli alternativi di amministrazione e controllo.– La distinzione ora delineata, chiara nel sistema tradizionale, si presenta in termini diversi nei sistemi alternativi di amministrazione e controllo introdotti dalla riforma del 2003.

Nel sistema dualistico il valore dell’asse delle ascisse (valutazione) tende ad assottigliarsi, sino a venir meno nelle (non rare) ipotesi in cui il consiglio di gestione risulti interamente composto da consiglieri esecutivi; mentre quello delle ordinate (vigilanza) viene ad arricchirsi di una portata valutativa ben più pregnante di quella del collegio sindacale, assumendo i relativi interventi un’efficacia proattiva e biunivocamente dialettica, segnatamente ove lo statuto riconosca al consiglio di sorveglianza le prerogative di alta amministrazione di cui alla lett. f-bis) dell’art. 2409-terdecies c.c. 41. Nel sistema monistico, per contro, potrebbe fare difetto l’asse delle ordinate della mera vi­gilanza estranea alla sfera gestoria, essendo la funzione di controllo attribuita a consiglieri di amministrazione chiamati anche a valutare e a (concorrere a) indirizzare la gestione della società: soggetti per definizione compartecipi del processo decisionale e i cui poteri istruttori e reattivi sono funzionali innanzi tutto ad una più incisiva ed efficace valutazione di merito, ad opera dell’organo amministrativo nel suo plenum, sull’operato degli esecutivi; e dunque anche sulla convenienza e utilità delle opzioni organizzative e gestorie da questi ultime predisposte e realizzate, ma dai primi condivise nella loro pianificazione strategica 42. Non si tratta peraltro qui [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


7. Convergenza funzionale e permanente distinzione di ruoli (e responsabilità) tra gli organi di amministrazione e controllo.

La convergenza funzionale dei controlli di secondo grado che gli amministratori non esecutivi e i sindaci sono chiamati a operare non deve tuttavia far dimenticare agli interpreti la perdurante diversità di prospettiva e anche di responsabilità. Come conferma la fondamentale disposizione di cui al secondo comma dell’art. 2407 c.c., che continua a ritenere i sindaci “responsabili solidalmente con gli amministratori per i fatti o le omissioni di questi, quando il danno non si sarebbe prodotto se essi avessero vigilato in conformità degli obblighi della loro carica”. Se rigiriamo infatti il tessuto normativo e ne consideriamo la trama e non l’ordito (ne vediamo, per così dire, il bright side e non il dark side della responsabilità), dalla regola ora enunciata si evince che i sindaci, sebbene dotati di doveri e poteri di controllo più intensi rispetto al passato, continuano a rispondere soltanto per difetto di vigilanza; e solo a tale titolo possono essere solidalmente coinvolti nella responsabilità degli amministratori. Da tale disposizione esce dunque confortata la conclusione che, se la predisposizione di adeguati sistemi di controllo d’impresa è un aspetto coessenziale della gestione, rientrando tra i principali compiti dell’organo amministrativo, la gestione per contro resta sempre estranea alle funzioni dell’organo di controllo, che su di essa [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


8. Segue. Nuovi compiti e responsabilità del collegio sindacale.

Dalle premesse sin qui richiamate deriva un importante corollario, che costituisce al contempo un caveat all’interprete e soprattutto al formante giurisprudenziale rispetto a derive giustizialiste: la natura solidale della responsabilità dei sindaci con quella degli amministratori non deve velare il diverso titolo al quale rispondono gli uni e gli altri 47; titolo che si ricava appunto dalla specifica relazione instaurata dall’ordinamento tra le funzioni assegnate all’organo di controllo e il corrispondente regime di responsabilità dei sindaci 48. La ridefinizione delle funzioni di vigilanza del collegio sindacale con le funzioni di controllo interno – e, dunque, con forme di controllo di seconda istanza, anche sull’adeguatezza degli assetti organizzativi (e anche allo scopo di dare input agli organi sociali) – non implica una compartecipazione del collegio sindacale al processo decisionale e dunque alle scelte degli amministratori in ordine alla definizione dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile della società. Le nuove funzioni – pur significativamente ampliate e precisate – rientrano pur sempre nell’attività tipica del collegio sindacale: attività di vigilanza che rimane eminentemente conoscitiva e in funzione essenzialmente collaborativa 49. Sul piano operativo è peraltro dato di comune esperienza [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


9. Ancora sul rapporto tra organo di controllo interno e comitatoaudit.

In tal modo non si intende sottovalutare l’importante evoluzione che il nuovo quadro normativo segnala rispetto all’originaria configurazione delle funzioni del collegio sindacale, il cui intervento veniva realizzato sovente soltanto ex post, con carotaggi episodici o comunque campionari e finalizzato ad avvertire i soci delle eventuali infedeltà o negligenze degli amministratori. L’organo di controllo risulta oggi in grado di indirizzare la gestione verso principi di correttezza, con ciò finendo per svolgere un’attività non solo sussidiaria, ma finanche complementare rispetto all’azione degli amministratori 51. Pur rimanendo nella sfera della vigilanza, come tale estranea alla formazione dei contenuti della gestione propriamente detta (affidata in via esclusiva agli amministratori), il collegio sindacale è oggi coinvolto nella valutazione di aspetti inerenti al funzionamento e all’organizzazione della società, partecipando così, più incisivamente rispetto al passato, al governo societario. La nuova disciplina concorre indubbiamente a rafforzare quell’orientamento “antiformalistico” dei compiti dell’organo di controllo, già affermatosi in giurisprudenza e in dottrina, che nel corso del tempo ha arricchito di contenuti i doveri del collegio sindacale lungo una linea interpretativa volta a sottolineare la natura sostanziale [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


10. Una sfida per le professioni: le nuove norme di comportamento del collegio sindacale.

Il riconoscimento del ruolo del collegio sindacale quale presidio avanzato di un più corretto ed efficiente governo societario trova ora una consacrazione nel nuovo Codice di Autodisciplina, che assegna espressamente a tale organo il ruolo di “vertice del sistema di vigilanza” delle società quotate. Particolarmente significativo è il riconoscimento in capo al collegio sindacale di «un compito di vigilanza anche preventiva e non meramente ex post, che si traduce in una verifica sui processi il cui esito va portato all’attenzione degli amministratori, affinché essi adottino le misure correttive eventualmente necessarie». E sempre nel solco delle riflessioni sin qui condotte si iscrive l’ulteriore rilievo che «il conseguente coordinamento con gli organi di gestione, anche delegati, è da ritenere compatibile con il ruolo di vigilanza sulla conformità (alle norme, allo statuto, alle procedure interne), tipicamente affidato al collegio sindacale, che lo differenzia in modo netto rispetto al consiglio di amministrazione e al comitato e controllo e rischi, i quali svolgono essenzialmente un ruolo di valutazione anche di merito sull’adeguatezza degli assetti e sull’andamento della gestione» 60. Tale approdo costituisce, per le categorie professionali interessate, una straordinaria occasione, ma al contempo una sfida tanto impegnativa quanto ineludibile. E una prima [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio