corso comm rev

home / Archivio / Fascicolo / Gli effetti della cancellazione della società di capitali dal registro delle imprese: ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Gli effetti della cancellazione della società di capitali dal registro delle imprese: recenti sviluppi e questioni ancora irrisolte (considerazioni sparse in occasione della presentazione di un volume)

Giuseppe Niccolini

Sommario:

1. Il nostro libro. - 2. L’estinzione della società consegue alla sua cancellazione: problemi e proposte. - 2.1. - 2.2. - 3. (Segue). Fra passato e presente. - 4. La questione delle sopravvivenze e delle sopravvenienze passive - 4.1. - 4.2. - 5. La questione delle sopravvivenze e delle sopravvenienze attive. - 6. Qualche ulteriore considerazione. - NOTE


1. Il nostro libro.

La disciplina che segna l’epilogo della vicenda societaria è abitualmente catalogata fra le operazioni straordinarie delle società. Essa compare così, in omaggio a tale tradizionale collocazione, nel volume che offre l’occasione a questo incontro di studio. Il nostro libro si apre – anzi – proprio con questo tema, al quale tengono seguito le vicende cc.dd. evolutive di un ente collettivo: trasformazione, fusione e scissione (nonché leveraged buy out). E alla vicenda estintiva delle società di capitali è riservato, nell’economia dell’opera, un posto per nulla marginale, giacché occupa un buon terzo del volume. Scandito in due sezioni (rispettivamente: “le cause di scioglimento” e “la liquidazione”) affidate a penne diverse, quelle di Tilde Cavaliere e di Marco Aiello, il volume offre al lettore un’esposizione chiara e completa di un luogo, una regione, del nostro novellato codice civile non sempre agevole da descrivere e da esplorare (ché di quando in quando nasconde anzi insidie e pericoli: hic sunt leones). Così, nello studio delle cause di scioglimento trovano spazio tutti i temi che si coordinano, nell’esigenza applicativa reclamata dalla prassi e nell’istanza di organizzazione sistematica cui aspira la ricerca, all’inverarsi dell’ipotesi dissolutiva. Mi riferisco non soltanto al problema del [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. L’estinzione della società consegue alla sua cancellazione: problemi e proposte.

Se è compito, cioè funzione, del patrimonio comune, destinato all’esercizio dell’impresa, di assolvere a tutte le esigenze dell’iniziativa collettiva, ossia dell’operazione economica intrapresa, prima che i partecipi ne traggano il risultato, questo compito si esalta – necessariamente – nella fase estintiva dell’ente. Da ciò il disattivarsi di regole pensate per una società in integro statu, sostituite da precetti di maggior rigore. Si pensi all’utile distribuito in base a bilancio regolarmente approvato, non ripetibile se percepito in buona fede (art. 2433, 4° comma, c.c.), del quale tiene luogo l’acconto «sul risultato della liquidazione», connotato da una ripetibilità che non si subordina alla condizione psicologica del socio percettore (art. 2491 c.c.), secondo una regola che ritroviamo a governo della quota di liquidazione (art. 2495, 2° comma, c.c.).

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.1.

Ebbene: a me sembra che il tema della estinzione della società, delle soluzioni disciplinari più idonee a far sì che il patrimonio sociale non si disperda, parcellizzandosi e confondendosi con quello dei soci percipienti e dunque da un lato frammentandosi e dall’altro smarrendo la sua vocazione imprenditoriale, debba confrontarsi con le regole alle quali ho fatto cenno. Gli approdi disciplinari sono ben noti, e di essi non manca di dare conto il volume che oggi presentiamo. Prima della novella del 2003 la giurisprudenza era ben ferma (anzi: granitica) nell’affer­mare che alla cancellazione della società dal registro delle imprese non conseguiva la sua estinzione. L’ente collettivo si estingue – dicevano i giudici – solo se e quando ogni rapporto che ad esso faceva capo fosse stato definito, per modo che (passatemi la prospettiva antropomorfa e il conseguente lessico) la pubblicazione dell’atto di morte di una società a nulla rilevava: come dire che si muore – ci si estingue – solo si è davvero deceduti ovvero – direi meglio – se la funzione per realizzare la quale un ente o un patrimonio è istituito è stata completamente assolta 1. Altrettanto familiari le critiche che la dottrina muoveva a tale scelta interpretativa: critiche pressoché unanimi (per numero, le voci che si levavano in difesa della lettura dei giudici erano ben lungi [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2.2.

Ci si è ingegnati di ricercare i rimedi. A) Qualcuno ha ritenuto di scorgere una soluzione nella regola dell’art. 2191 c.c., ipotizzando – come anticipavo poc’anzi – la possibilità di cancellare la cancellazione (o comunque di considerare inefficace la cancellazione, come finisce per fare l’art. 10, 2° comma, l. fallim., con una regola che peraltro si riferisce, per gli imprenditori collettivi, alla sola ipotesi della cancellazione d’ufficio22e la cui portata è comunque è ben arduo estendere oltre il caso del fallimento 23). Itinerario, questo, non solo seguìto da qualche giudice territoriale 24, sospinto dall’esigenza di trovare una via d’uscita, ma che anche il S.C. parrebbe non disdegnare (il condizionale è d’obbligo: la decisione cui mi riferisco 25 non sembra non condizionata dalla fattispecie, che riguardava una società decotta che si era cancellata per rifugiare all’este­ro, dove aveva proseguito ad operare, e che era stata dichiarata fallita dopo che il giudice del registro aveva, appunto, disposto la cancellazione della sua cancellazione). Una soluzione che al nostro volume è parsa alquanto ardita 26, se non (ma queste sono parole mie) eversiva del sistema, per via di quel suo risolversi in una disattivazione di un predicato normativo, per quel suo contraddire alla volunctas legis proclamata dal precetto [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. (Segue). Fra passato e presente.

 Ecco: a me sembra che le regole del nostro ordinamento sulle quali sto cercando di riflettere perseguano oltre ragione quelle finalità di certezza dell’azione imprenditoriale alle quali si dichiaravano di volersi ispirare ogni qual volta – e non è raro che accada – lo strumento societario sia utilizzato in modo non corretto e ancor più in modo disinvolto e non genuino. Riesce, invero, difficile giustificare che una società possa scomparire, eclissarsi, senza che la relativa procedura, pur imposta ed in sé ineludibile 32, sia scandita nel tempo. Tuttavia, nel nostro ordinamento non vi è regola che comandi una durata minima della liquidazione, un lasso di tempo che consenta ai creditori di farsi avanti. Se una siffatta regola (che troviamo in altri sistemi giuridici) vi fosse, i creditori distratti o ritardatari non avrebbero da dolersi se non – e solo – della loro disattenzione o della loro lentezza.  Di più: non vi è, nel nostro ordinamento, regola che consenta ai creditori di una società in liquidazione, di impedire, opponendovisi, ad una distribuzione dell’attivo, vuoi che si tratti di un acconto sulla quota di liquidazione, vuoi che si tratti della quota stessa: i creditori sociali – come puntualmente ricorda il nostro volume 33 – possono avvalersi soltanto dei normali rimedi civilistici: rimedi che possono rivelarsi poco efficienti o [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. La questione delle sopravvivenze e delle sopravvenienze passive

Queste ultime notazioni riportano al tema, dal quale ho preso esordio, della responsabilità per le obbligazioni sociali non soddisfatte. Il codice, con il 2° comma dell’art. 2495, indica una regola che è nota a tutti: «dopo la cancellazione i creditori sociali non soddisfatti possono far valere i loro crediti nei confronti dei soci, fino alla concorrenza delle somme da questi riscosse in base al bilancio finale di liquidazione, e nei confronti dei liquidatori, se il mancato pagamento è dipeso da colpa di questi». Qualche anno fa la Cassazione ha avuto occasione di enunciare – ribadendo un suo precedente dictum 36, ma tuttavia discostandosi da altro suo verdetto 37, entrambi risalenti a quasi 30 anni prima – un principio importante: il diritto azionato dal creditore sociale insoddisfatto nei confronti del socio dopo la cancellazione della società dal registro delle imprese, conservando la propria causa (estranea al rapporto sociale) e la propria originaria natura giuridica, è soggetto al medesimo termine di prescrizione cui soggiacerebbe se esso fosse stato azionato direttamente nei riguardi della medesima società, onde deve escludersi che esso ricada tra quelli per i quali l’art. 2949, 1º comma, c.c. stabilisce il termine di prescrizione quinquennale 38. Dico subito che la decisione del S.C. mi sembra pienamente condivisibile 39: il diritto che il creditore [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4.1.

Se il socio risponde di un debito che è della società, nell’agire verso costui il creditore insoddisfatto dovrebbe potere – e dovere – seguire tutte le regole del relativo rapporto obbligatorio, così come si afferma quando il creditore di una società di persone agisce nei confronti del socio 40. Ne deriverebbe, ad esempio: a) sul piano processuale che la deroga alla competenza territoriale che fosse stata convenuta fra la società e il terzo creditore deve ritenersi vincolante anche per il socio, così come la clausola arbitrale che fosse stata stipulata fra la società e il terzo creditore (osservo che qui non v’è circolazione del contratto, e pertanto non avrebbero ragione di prendere risalto le considerazioni che si oppongono alla automatica circolazione della clausola arbitrale in conseguenza della circolazione del contratto cui accede 41; b) che il socio potrà opporre al creditore ogni eccezione che avrebbe potuto essere opposta dalla società (alle quali non vi sarebbe a ben vedere motivo perché il socio aggredito non possa opporre al creditore sociale anche le sue personali eccezioni 42; c) che il creditore si potrà giovare delle agevolazioni probatorie di cui poteva valersi nei confronti della società (un documento a contenuto confessorio di questa dovrebbe avere uguale valore nei riguardi del socio; e che una scrittura [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4.2.

Al contempo, il principio di cui ho detto pone – accennavo poc’anzi – una questione. Come ho rammentato, delle obbligazioni insoddisfatte dalla società estinta risponde non soltanto il socio, ma anche il liquidatore se il mancato pagamento è dipeso da colpa del liquidatore stesso (2495, 2° comma, c.c.) 44. Il titolo delle due responsabilità è però diverso: il liquidatore, infatti, risponde per un illecito amministrativo da lui commesso, ex lege aquilia 45; ed è regola (art. 2949 c.c.) che «l’azione di responsabilità che spetta ai creditori sociali verso gli amministratori e i liquidatori 46 nei casi stabiliti dalla legge» si prescrive in cinque anni (salvo, ex art. 2947 c.c., il maggior termine – di sei anni o, nel caso intervenga uno degli atti interruttivi della prescrizione espressamente indicati nell’art. 165 c.p., di sette anni e mezzo – che consegue al fatto che l’il­lecito amministrativo del liquidatore integri anche quello penale dell’art. 2633 c.c.). Se così è, non si determinerebbe una asimmetria fra la responsabilità del socio e quella del liquidatore? Quando il termine prescrizionale dell’azione verso la società, e dunque verso il socio, fosse inferiore al quinquennio dell’art. 2949 c.c., il creditore ancora potrebbe agire, ove quell’azione si fosse prescritta, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. La questione delle sopravvivenze e delle sopravvenienze attive.

Torno – chiedendo venia per qualche disordine espositivo – sul problema degli asset sociali obliati nella procedura di liquidazione. Il problema è stato finora studiato nella prospettiva alla quale ho fatto poc’anzi cenno, essendocisi interrogati, in particolare in caso di bene immobile, su quale itinerario tecnico sia da seguire per far sì che i soci, divenutine proprietari in regime di comunione ordinaria ai sensi degli artt. 1100 e segg. c.c. 47, conseguano la titolarità formale del bene ignorato (o sopravvenuto) o la sua quota-parte 48. Ma questa è solo una faccia della medaglia. Attribuire ai soci un bene della società al di fuori del processo di liquidazione, senza che di quel bene rechi traccia e faccia menzione il bilancio finale e l’annesso piano di riparto, in base al quale il creditore pretermesso può procedere verso i soci 49, significa consentire alla pubblicità commerciale – che nel caso del bilancio finale non è funzionale solo alla sua approvazione c.d. tacita da parte dei soci (l’approvazione potrebbe avvenire con una delibera unanime, o con la quietanza rilasciata senza riserve all’atto del pagamento dell’ultima quota di riparto come prevede l’art. 2493, 2° comma, c.c., e dunque anche prima della pubblicazione del bilancio finale), ma è imposta anche a tutela dei terzi e del mercato – di occultare ai creditori [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


6. Qualche ulteriore considerazione.

Concludo con una postilla, che si riannoda alle considerazioni dalle quali ho preso l’esordio. Una volta che il danaro che compone il patrimonio sociale o (per chi ammette una divisione in natura anche nelle società di capitali 51) i beni che ne fanno parte sono attribuiti ai soci in base a un bilancio intermedio (come acconto di liquidazione) o al bilancio finale (come quota di liquidazione), su quelle somme, su quei beni, il creditore sociale perde il suo diritto di preferenza perché quelle somme e quei beni entrano subito e comunque a far parte del patrimonio dei soci 52. Ebbene: tale effetto si verifica – se non prendo un abbaglio – vuoi che la cancellazione determini l’estinzione della società, vuoi che ciò non accada. Nell’uno come nell’altro caso, il creditore sociale pretermesso dalla liquidazione dovrà faticare non poco per recuperare quanto gli spetta: sarà costretto ad aggredire i singoli, e in ipotesi numerosi, soci (ed eventualmente, ricorrendo il presupposto della sua colpa, il liquidatore 53, ben modesto aiuto offrendogli sia la possibilità di notificare l’atto giudiziario presso l’ultima sede della società se la domanda è proposta entro un anno dalla cancellazione (art. 2495, 2° comma, II frase, c.c.), sia – almeno se si tratta di società con soci limitatamente responsabili – la possibilità di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio