bellante

home / Archivio / Fascicolo / Sull'ammissibilità del conferimento di criptovalute nel capitale sociale di s.r.l. (1-2)

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Sull'ammissibilità del conferimento di criptovalute nel capitale sociale di s.r.l. (1-2)

Stefano Coan e Enrico Paludet

In commento a due recenti provvedimenti rispettivamente del Tribunale e della Corte D’Appello di Brescia, il contributo analizza il tema della conferibilità di criptovalute nel capitale sociale di una s.r.l. L’indagine, ponendosi in senso critico rispetto ai provvedimenti commentati, affronta i temi della qualificazione giuridica della criptovaluta in ambito societario e dei requisiti previsti dall’ordinamento per i conferimenti in natura, cercando di offrire all’interprete sia ragioni a sostegno della tesi della conferibilità, sia proposte operative in tema di valutazione economica e modalità di pignoramento delle criptovalute.

PAROLE CHIAVE: società - aumento di capitale - criptovaluta - conferimenti - requisiti conferimenti - società a responsabilità limitata - capitale sociale - espropriazione forzata

The admissibility of the contribution of cryptocurrency in the share capital of s.r.l.

The paper analyzes the issue of the transferability of cryptocurrency to the capital of a s.r.l. by commenting two recent judgements issued by the Court of Brescia and the Court of Appeal of Brescia. The survey, which is critical in respect of the decisions adopted by the Courts, deals with the issues of the legal qualification of cryptovalues in the field of corporate law and the requirements provided by the law for assets contribution in capital, trying to offer both reasons in support of the thesis of transferability and operational proposals on the subject of economic evaluation and methods of enforcing the cryptovalues.

KEYWORDS: Limited liability company – Share capital – Transfer to a company – Cryptocurrencies – Estimate – Enforcement.

– I –   TRIBUNALE DI BRESCIA, Decreto, 25 luglio 2018, Del Porto Presidente – Lentini Relatore – (Omissis) S.r.l. c. F.S.   Società – Aumento di capitale – Conferimento in natura – Criptovaluta – Requisiti del Conferimento – Espropriabilità criptovaluta   La stima dei conferimenti in criptovaluta effettuata dall’esperto è soggetta a valutazione da parte del giudice che non riguarda l’idoneità della categoria del bene ad essere suscettibile di conferimento, bensì se quel bene (criptovaluta) soddisfi i requisiti di cui al secondo comma dell’art. 2464 c.c. Pertanto, per valutare astrattamente la conferibilità a capitale sociale delle criptovalute occorre rispettare i seguenti principi: idoneità ad essere oggetto di valutazione in un dato momento storico, esistenza di un mercato che consente di stimare il tempo di conversione in moneta reale e idoneità del bene ad essere sottoposto ad esecuzione forzata, ovvero a soddisfare i diritti eventualmente vantati dai creditori sociali.     Company – Capital increase – Contribution with assets – Cryptocurrency – Requirements for Contribution – Enforcement of cryptocurrency   The expert’s estimate of contributions in cryptocurrency is subject to evaluation by the judge. Such an evaluation does not regard the [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

COMMENTO

Sommario:

1. Il caso - 2. Gli orientamenti dottrinali e giurispru­denziali - 3. Il commento: a) la natura della criptovaluta ai fini della conferibilità - 4. Segue: b) la valutazione economica - 5. Segue: c) la rilevanza dell’espro­pria­bilità della criptovaluta ai fini del conferimento in capitale - 6. Conclusioni - NOTE


1. Il caso

Le pronunce in commento hanno ad oggetto il ricorso ex artt. 2436, 3° comma e 2480 c.c., proposto dall’amministratore uni­co di una s.r.l. avverso il diniego del notaio rogante di provvedere all’iscrizione nel registro delle imprese di una delibera assembleare che aveva disposto l’aumento del capitale della società parzialmente mediante conferimento in natura di criptovaluta. In particolare, il notaio ha motivato il proprio diniego ritenendo la delibera non sufficientemente dotata dei requisiti di legittimità nella misura in cui le criptovalute, stante la loro volatilità non consentirebbero da un lato di determinare il quantum destinato alla liberazione dell’aumento di capitale; d’altro lato di effettuare una valutazione adeguata circa l’effettività del conferimento. Avverso tale diniego è ricorsa la società, facendo leva sulla perizia prodotta in sede di conferimento, la quale avrebbe in tesi confermato il valore della criptovaluta e il trasferimento della stessa in capo alla società, nonché fornendo ulteriori elementi al fine di dimostrare la valutabilità della criptovaluta, quali ad esempio la diffusione della valuta virtuale presso gli utenti di una determinata piattaforma online, ove essa viene comunemente accettata come mezzo di pagamento. Il Tribunale, con la preliminare – e significativa – [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. Gli orientamenti dottrinali e giurispru­denziali

Il tema centrale dei provvedimenti del Tribunale e della Corte D’Appello di Brescia sopra riportati, costituito dalla conferibilità delle criptovalute nel capitale di un s.r.l., è agli esordi in dottrina e giurisprudenza. Nel panorama giurisprudenziale italiano, i provvedimenti oggetto di commento, i quali hanno negato, pur sulla base di argomentazioni differenti, la possibilità di effettuare un siffatto conferimento, risultano in tal senso essere i primi (e finora gli unici) che hanno avuto modo di analizzare specificamente il tema, anche in ragione della recente diffusione delle criptovalute e dell’ancora più recente utilizzo delle stesse in ambito societario. Esistono tuttavia talune pronunce che hanno analizzato dei profili, seppur differenti, attinenti alle criptovalute, in particolare in ambito fallimentare [1] e finanziario [2]. Dal punto di vista dottrinale, il tema della conferibilità della criptovaluta nel capitale sociale è stato affrontato in alcuni primi commenti ai provvedimenti oggetto della presente nota [3]; non risultano, tuttavia, al tempo in cui si scrive, essersi ancora formati dei veri e propri orientamenti dottrinali.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Il commento: a) la natura della criptovaluta ai fini della conferibilità

L’universo dei beni digitali è caratterizzato da una spiccata eterogeneità, da cui deriva l’importanza di un lessico appropriato, completo e soprattutto preciso, che consenta di designare univocamente le entità di cui si discorre e di distinguerle tra loro in modo chiaro. Purtroppo, sia nell’ambito informatico sia in quello giuridico, la terminologia è spesso usata con ambiguità: locuzioni come “criptovaluta”, “valuta virtuale”, “coin” e “token” sono frequentemente impiegate in modo promiscuo, con l’effetto di inquinare la percezione del fenomeno indagato dagli operatori. La stessa ambiguità colpisce le premesse del provvedimento esaminato, che nel valutare la conferibilità in astratto delle criptovalute non si sofferma a precisare il significato attribuito a tale vocabolo. La criticità della questione è diretta conseguenza della lacunosità del nostro ordinamento, che non solo tralascia di definire la criptovaluta, ma nemmeno la cita in un qualsiasi testo normativo. Esso conosce, al­l’interno della disciplina antiriciclaggio, solo il diverso termine “valuta virtuale” [4] e l’equivalenza tra i due concetti non è affatto scontata. La definizione di valuta virtuale, evidenziando tale funzione, pare comprendere i soli beni digitali utilizzati in via diretta e principale come mezzi di scambio [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. Segue: b) la valutazione economica

Compresa la natura del conferimento di criptovalute, resta da indagarne l’ammis­si­bilità e da ricostruirne la disciplina, specialmente sotto il profilo delle modalità estimative. In quest’ottica va ricordato che la riforma del 2003, modificando il 2° comma dell’art. 2464 c.c., ha introdotto la possibilità di conferire in s.r.l. qualsiasi elemento dell’attivo suscettibile di valutazione economica [34]. La dottrina ha perciò ritenuto che un’u­ti­lità economica possa formare oggetto di conferimento quando sia fonte di una situazione giuridica positiva per il patrimonio sociale e se ne possa attestare (e quantificare) il valore economico, da intendersi non come mera patrimonialità dell’oggetto (art. 1174 c.c.), ma come idoneità a formare valore anche per i terzi (non soci). In altri termini, il bene deve effettivamente concorrere alla formazione del capitale sociale, così da tutelare indirettamente i creditori sociali [35]. La criptovaluta, quale “rappresentazione digitale di valore”, è un bene la cui esistenza è autonoma rispetto alle vicende che riguardano il suo titolare, suscettibile di circolazione anche senza la sua collaborazione. Non si tratta certo di una prestazione, di un comportamento del soggetto, come testimoniato dal fatto che può essere oggetto di furto o di successione a causa di morte [36]. Le [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. Segue: c) la rilevanza dell’espro­pria­bilità della criptovaluta ai fini del conferimento in capitale

Il Tribunale di Brescia individua un ultimo motivo in forza del quale le criptovalute non sarebbero suscettibili di essere conferite nel capitale sociale di una s.r.l.: l’im­possibilità di sottoporle ad espropriazione forzata; in particolare, la pronuncia esclude la conferibilità delle criptovalute poiché esse sarebbero in tesi inidonee ad essere “bersaglio” dell’aggressione da parte dei creditori sociali, non essendo, secondo il percorso argomentativo seguito nel decreto, neppure individuabili le modalità di esecuzione di un ipotetico pignoramento. La tesi non pare condivisibile per due ordini di ragioni: da un lato la presunta necessità che il bene, per essere conferito, debba essere suscettibile di espropriazione è stata largamente criticata (e deve considerarsi ormai superata) sia a livello dottrinario che giurisprudenziale; d’altro lato pare in ogni caso possibile individuare alcune modalità attraverso le quali eseguire un pignoramento su criptovalute (o, quanto meno, pare possibile individuare alcuni accorgimenti di natura tecnica e giuridica attraverso i quali assicurare ai creditori sociali le criptovalute oggetto di conferimento). Sotto il primo profilo si ricorda che la dottrina assolutamente maggioritaria ha da tempo preso le distanze dalla risalente teoria che individuava nel capitale sociale una naturale funzione di garanzia diretta per i creditori [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


6. Conclusioni

Alla luce di quanto fin qui considerato, le pronunce esaminate non risultano essere condivisibili per diversi ordini di ragioni. In primo luogo, il decreto del Tribunale di Brescia, pur qualificando condivisibilmente la criptovaluta quale bene in natura ai fini del conferimento in capitale, non convince nella misura in cui giunge, con mo­tivazioni che appaiono superficiali, ad escluderne la conferibilità, alla luce del­l’i­potizzata, ma non sufficientemente approfondita, assenza dei requisiti di valutabilità e di pignorabilità. In secondo luogo, il provvedimento della Corte D’Appello appare ancor più criticabile, a monte, per la qualificazione che propone della criptovaluta quale denaro, qualificazione che non può condividersi, quanto meno ai fini societari, ove per denaro non può che intendersi esclusivamente la moneta domestica, unica in grado di assicurare la costante corrispondenza fra conferimenti e capitale. Alla luce delle argomentazioni riportate in commento, la soluzione ermeneutica da ritenere pertanto preferibile è quella di considerare la criptovaluta quale bene in natura e quindi astrattamente sempre conferibile in capitale nel rispetto degli artt. 2465 ss. c.c. Il piano deve quindi spostarsi dall’esame di profili di carattere generale (conferibilità in astratto della criptovaluta) ad un’analisi casistica, e da condurre nel concreto, in relazione alle diverse [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio