covid19

home / Archivio / Fascicolo / Trasformazione di società fallita

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi fascicolo


Trasformazione di società fallita

Serena Meucci

1. È legittima la decisione di trasformazione di una società dichiarata fallita nei limiti di compatibilità con la finalità e lo stato della procedura sanciti dall’art. 2499 c.c.

 2. La decisione di trasformazione deve essere preventivamente autorizzata con decreto del Tribunale Fallimentare ai sensi degli artt. 23 e 24 l. fall., espressione della competenza generale sulla procedura propria di tale organo, ai fini della preventiva valutazione di compatibilità ai sensi dell’art. 2499 c.c.

 3. Nelle società di capitali la dichiarazione di fallimento non determina ex se lo scioglimento della società né la decadenza degli organi sociali i quali mantengono le rispettive prerogative pur con il filtro della compatibilità con le regole della procedura fallimentare. Sicché la convocazione dell’assemblea e la redazione della relazione ex art. 2500 sexies c.c. restano di competenza dell’organo amministrativo (e non del curatore) e la decisione sulla trasformazione è adottata dalla assemblea dei soci.

 4. È possibile procedere alla trasformazione di Società per Azioni fallita in Società a responsabilità limitata, senza il ripianamento delle eventuali perdite e la ricapitalizzazione della società, previo scioglimento e messa in liquidazione della società stessa.

 5. Considerato che, a seguito della dichiarazione di fallimento, il patrimonio sociale è indisponibile per gli organi sociali e destinato alla soddisfazione dei creditori, in caso di esercizio del diritto di recesso da parte dei soci non consenzienti alla delibera di trasformazione: i) il valore della partecipazione è determinato in conformità agli artt. 2437-bis (per le s.p.a.) e 2473 (per le d.t.l.) c.c. alla data del recesso e dunque tiene conto del presumibile eccesso di debiti rispetto all’attivo; ii) anche qualora il valore determinato nel­l’ambito del procedimento di liquidazione dagli amministratori fosse positivo e, ex artt. 2437-bis e 2473 c.c., non si addivenga all’acquisto da parte di altro socio o di un terzo, non è comunque possibile procedere al rimborso della partecipazione se non dopo la chiusura del fallimento, e comunque applicandosi la disciplina ordinaria.

PAROLE CHIAVE: trasformazione - societÓ - fallimento - tribunale fallimentare - tutela interessi dei creditori

Sommario:

Motivazione.


Motivazione.

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio